Ahi serva Italia, di dolore ostello

Che paese orribile siamo diventati.

In Italia molte persone stanno perdendo il lavoro (io sono fortunato, ho uno stipendio fisso e, per ora, non corro rischi): molti piccoli imprenditori sono costretti a non lavorare più, molti operai si ritrovano disoccupati in un’età in cui è ancora più drammatico esserlo, molti giovani non trovano lavoro.

E la nostra opinione pubblica non riesce a fare altro che occuparsi di “scandali sessuali”; i telegiornali sovraespongono i portavoce dei diversi partiti, come se le cose che dicono fossero importanti, anzi essenziali; i problemi veri non sono visibili, bisogna instillare l’ottimismo.

A me sembra, tanto per cambiare, che questa cosiddetta sinistra abbia fatto un nuovo errorre madornale: prima, non riuscendo a fare altro, ha creduto di potere far cadere Berlusconi facendo leva sul piano giudiziario; poi ha tentato la carta della moralità; ora addirittura (ma, per fortuna, sono solo stupidaggini di imbecilli virtuali) pare che la extrema ratio sia l’assassinio…

Che tristezza. Io non voglio che il Berlusconi politico sia tolto di mezzo per via giudiziaria (ma vorrei che il Berlusconi imprenditore chiarisse molti punti oscuri), né per una presunta “dubbia moralità”; né tanto meno voglio che venga “fatto fuori” fisicamente.

No, Berlusconi deve essere “fatto fuori” politicamente. Sennò avremmo comunque perso. Il popolo italiano avrebbe perso. Per sempre.

Annunci

  1. giat, io invece vorrei vederli tutti morti. tutti: berlusconi, bondi, brunetta, cicchitto, scajola, frattini, tremonti, vito, lupi, bocchino, capezzone, ferrara, fede, feltri, sgarbi, bonaiuti, calderoli, borghezio: tutti morti. vorrei non vedere mai più le loro facce di merda, non sentire più il tono orribile delle loro voci. non stiamo parlando di uomini, giat, stiamo parlando di infami. questi orribili insetti, questi mostri immondi sciupano la terra, la insozzano con la loro semplice presenza. sono LO SCHIFO, la feccia dell’umanità. nessuna pietà per loro. nessuna.

  2. normanno del sud

    du hast die linken vergessen!!

    auch killen!!

  3. sì, hai ragione, normanno. ma la lista si sarebbe allungata troppo. e PRIMA bisogna eliminare i peggiori.

  4. diciamo ‘bisognerebbe’, via, sennò va a finire che qualcuno mi denuncia per istigazione a delinquere. e, detto per inciso, io non sarei in grado di uccidere una gallina. diciamo dunque che vorrei vederli tutti morti di morte… naturale. 🙂
    un fulmine, un cancro, uno tsunami benedetto: qualsiasi cosa, purché spariscano dalla faccia della terra.

  5. superciuk

    quando vi leggiamo nell aria di roma piena dell olezzo della coca e dei trans politicamente corretti e delle liste dei pezzi di ivano politicamente corretti che vogliono un posto di lavoro e lo ottengono solo perché politicamente corretti pensiamo alla ddr. Ad una società di ingiustizie spacciate per libertà ad un mondo pieno delle parole libertà e popolo e democrazia ma in realtà dominato dalla violenza della materia e della nomenclatura. Ragazzi andate avanti così che vi fate male 🙂

  6. Caro Marco, condivido molto di ciò che scrivi. Però, però…
    Le persone da te citate, oltre a essere, probabilmente, delle brutte persone, sono “portatori” di una posizione culturale e politica, quella sì infame. Se non ci fossero loro, ci sarebbe qualcun altro a portarla avanti. Il problema, quindi, non mi sembrano le persone, bensì le posizioni politiche e culturali infami; e, soprattutto, che quelle posizioni riscuotano l’assenso elettorale della maggior parte della popolazione (qui si potrebbe aprire una discussione su quanto quell’assenso sia “dopato”, ma non si finirebbe più).
    Il problema sta dunque qui: che quelle posizioni politiche e culturali tornino a essere minoritarie, cosa che, al presente, mi sembra improbabile. Ecco, questo è quello che mi auspicavo nel post.

    @Superciuk: se, ogni tanto, leggessi le parole degli altri prima di vomitare le tue, sarebbe tutto di guadagnato. In primo luogo per te.

  7. A proposito: negli ultimi giorni in cavaliere ha avuto buon gioco a recitare il solito ruolo della vittima per delle presunte minacce virtuali. Ma ci sono anche altri gruppi simili, guarda un po’:
    http://www.corriere.it/politica/09_ottobre_24/Iscritto-a-Sopprimiamo-Franceschini-Capogruppo-leghista-ho-sbagliato-Elsa-Muschella_72336d6a-c069-11de-9fa6-00144f02aabc.shtml
    Insomma, grande è la confusione sopra e sotto il cielo.
    Comunque, caro Marco, intendevo anche questo: perché dare nutrimento al furbo vittimismo dei destrini? No, auguriamo loro lunga vita: ma che si levino dalle palle, politicamente parlando.

  8. fabivS

    Sai cosa, hai ragione.
    La sega dei bordelli e degli insulti al Premier è un gioco da DS, Margherita e il loro degno erede PD. Ed è assolutamente comprensibile.
    Su cosa potrebbero dar contro a Berlusconi un Veltroni, un Rutelli, un Franceschini??
    Appunto solo sul fatto che Berlusconi è un puttaniere e loro (forse) no. ma se si parla di politica vera grandi differenze ideologiche non ci sono.
    E Berlusconi lo sa. Lui parla contro i comunisti, perchè sono il suo vero avversario ideologico, perchè hanno davvero una visione diversa della società e del futuro.
    Alla sinistra, quella vera, non serve spendere grandi parole contro Berlusconi per sembrare diversa. Essa dovrebbe parlare di salari, pensioni, occupazione, reddito minimo garantito, redistribuzione della ricchezza, giustizia sociale, centralità del lavoro (e non della rendita o della speculazione finanziaria), istruzione pubblica di qualità, salvaguardia ambiente, opere pubbliche vere (di provata utilità).
    Purtroppo la sinistra non esiste più. Ma chi si ricorda i dibattiti di qualche vero uomo di sinistra e Berlusconi sa bene, che non volavano insulti, ma solo critiche profonde e strutturali all’Italia del Cavaliere.

  9. Una cosa, FabivS:

    chi si ricorda i dibattiti di qualche vero uomo di sinistra e Berlusconi sa bene, che non volavano insulti

    Che io ricordi, Berlusconi ha quasi sempre evitato di trovarsi in una situazione di vero contraddittorio: le uniche apparizioni che ha fatto sono state in trasmissioni con un conduttore a dir poco “disponibile” (moltissime da Vespa) e comunque in assenza di chiunque potesse rendergli la vita difficile. Evidentemente non reggerebbe un dibattito.
    Tanto per rimarcare il livello politico.

  10. marcolenzi

    credo di avere le mie ragioni per ciò che non ritengo affatto un semplice ‘sfogo’ controproducente. nessuna ‘critica’ è ormai più possibile. siamo nel pieno di una fase post-politica. ho bisogno però di un po’ di tempo libero per rispondere seriamente. spero di farlo entro stasera, altrimenti domani. un caro saluto

  11. Guarda, Superciuk, guarda la differenza tra un politico decente e il tuo Berluscazzo: http://www.corriere.it/politica/09_ottobre_24/dimissioni-voci-marrazzo-maroni_7c7c5636-c07f-11de-9fa6-00144f02aabc.shtml
    E sono, per ora, 2: prima Boffo, dimessosi dopo il killeraggio del giornale del padrone; ora Marrazzo.
    Ecco dove ci ha portato lo scontro: tra un po’ ci sarà chi ravanerà nelle immondizie dei politici e dei giornalisti per trovare qualcosa di compromettente (avete mai letto Underground di Don De Lillo? Semmai fatelo, gran romanzo).

  12. Marco, che “nessuna critica è ormai possibile” è fuor di dubbio, sono pienamente d’accordo.

  13. normanno del sud

    a superciuk

    io sono d destra,e berlusca m sta sull c—o lo stesso!!

    lo chiamano duce(muahhhhh)!!!!!!!non e degno d essere chiamato duce!!

    lui divide l’italia invece d unire!!

    P.S vale anche per la sinistra!!

  14. arabo del nord

    ..già, il vero duce invece unì il popolo verso la guerra civile

  15. gadilu

    Comunicazione di servizio. Questo “normanno del sud” è un imbecille che cerca di postare commenti anche sul mio blog (non ci riesce perché finiscono subito nello spam, che è l’unico posto adatto ad accoglierli). Ci tenevo a dirtelo, evitandoti di perdere tempo a capire con chi hai a che fare.

  16. normanno del sud

    gadilu

    va a a……!!

  17. normanno del sud

    arabo del nord

    rogo!!

  18. Senti, Normanno, riusciresti magari a esprimerti in maniera un po’ più decente? Grazie.

  19. normanno del sud

    ok

  20. dunque, la questione è la seguente: siamo arrivati a un punto in cui non si tratta più di un ‘confronto di idee’, non vi è più nessuna contrapposizione tra sinistra e destra. l’agone politico, che si fonda in primis sul riconoscimento del proprio avversario (che proprio in quanto riconosciuto come tale diviene interlocutore) semplicemente NON ESISTE PIU’. dobbiamo ficcarcelo bene in testa. è perciò del tutto inutile che continuiamo a valutare le scelte politiche con i metri di giudizio che si adottavano in passato, è del tutto fuorviante continuare a stupirsi e a indignarsi (non so voi, ma io veramente non ce la faccio più, ci sarebbe ormai da indignarsi dalle quattro alle cinque volte al giorno!) per atti che NON SONO PIU’ conseguenza di scelte ‘politiche’, di startegie politiche, di una qualche pur sparuta ‘idea’. questo va capito una volta per tutte. c’è una destra da sconfiggere?! una destra??!! ma quale destra??!! per me la destra è indro montanelli, è una certa parte della vecchia dc, è un pensiero politico che io non condivido minimamente ma che è stato abbracciato da grandi e importanti filosofi, da spencer a gentile. questa, per me, è la destra. ma questi infami… come si possono considerare degli ‘avversari politici’?! ‘portatori di idee diverse dalle mie’?! quale idea politica c’è dietro lo scudo fiscale?! quale scelta politica dietro il ponte di messina?! dietro il lodo alfano?! dietro la candidatura di veline?! dietro la vendita dell’archivio vasari? io come faccio a parlare con uno che ha venduto l’archivio vasari??!! come si fa a parlare con cicchitto?! con capezzone??!! basta guardarli in faccia. sì, perché è giunta l’ora di riabilitare il senso più autentico dell’estetica, signori miei; non della cosmesi, ma della fisiognomica, della logica del senso!! la faccia, l’espressione della faccia di bondi – come si fa a non vedere che è un deficiente integrale??!! quella ghigna di merda, priva di qualsiasi tratto di nobiltà… la faccia di cicchitto: quell’essere immondo ci ha scritto in fronte “io sono un laido, un corrotto, un enorme stronzo – io sono uno che farebbe a pezzi sua madre per guadagnare posti di potere”: come si fa a non vederlo??!! guardate gasparri, guardategli gli occhi: vi sembra una persona intelligente?! a me basta vedere la piega della sua bocca per capire che è un imbecille totale, uno che p. es. non capisce un cazzo di arte, una persona totalmente priva di vita affettiva. poi ci sono gli ebefrenici: vito, per esempio – non avete notato che ha gli occhi troppo vicini? quello è un chiaro indizio di ebefrenia (ce l’ha anche francesco facchinetti, p. es., altro evidente oligofrenico…). lo sguardo, gli occhi di berlusconi, di LA RUSSA!!! (lo sguardo di la russa….). LA BOCCA DI CALDEROLI!!!! signori, pensate per un momento alla bocca di calderoli: come può una donna, qualsiasi donna, innamorarsi di calderoli??!! e borghezio??!! insomma, penso sia inutile continuare. (sì, certo, lo so, anche rutelli non ha questa faccia così intelligente, ma non arriva a quei livelli stratosferici dei suddetti . nessuno del centro-sinistra o della sinistra arriva ad essere così BRUTTO e ORRENDO).
    insomma, questo volevo dire quando dicevo di volerli vedere sparire tutti. non tollero più le loro facce, le loro ignobili espressioni. ormai il problema italiano è divenuto per me un problema innanzitutto estetico. e allora, dio ci salvi da tutta questa fogna umana.
    un caro saluto.

  21. forse ermete realacci…sì, forse ermete realacci arriva a sfiorare le brutture immonde dei destroni… ma insomma, ci siamo capiti… 😉

  22. gadilu

    Una battuta di Spinoza fotografa bene la situazione:

    Facebook, il gruppo “Uccidiamo Berlusconi” cambia nome in “Uccidiamo politicamente Berlusconi”. Quindi il piano si complica.

  23. Caro Marco, del tuo accorato appello condivido praticamente tutto, tranne qualche punta di eccesso lombrosiano. Sono pienamente d’accordo, non ci può essere dialogo o critica, perché tutto è stato già neutralizzato dalla spettacolarizzazione del dialogo e della critica (Debord è stato veramente un profeta).
    Ma appunto, nel post mi auguro questo: che riusciamo, in quanto cultura nazionale e politica, a uscire (non so come, non ne ho la minima idea, anche a me pare impossibile) da questa palude di putredine. Tutto qui.
    Grazie per il tuo intervento.

  24. Questa storia di Marrazzo è veramente inquietante, per chi vi è coinvolto dalla parte del ricattatore e per un certo modo di fare politica che sembra si stia affermando. Ribadisco lo sconforto del post.
    Delle molte parole lette, mi ha colpito molto questa frase, tratta da un articolo del Corriere:

    La scor­sa settimana ne hanno sequestrato una copia nella redazione di «Chi», il settimanale della Mondadori diretto da Alfonso Signorini, e questo vuol dire che la trattativa era già in una fa­se avanzata

    Ecco, se c’era un ulteriore bisogno di confermare che c’è chi usa i suoi numerosi mezzi di informazione (si fa per dire, in questo caso) come un manganello, eccola.
    Ovviamente il vario servidorame del cavaliere si sta già sbizzarrendo nei paralleli tra il povero Marrazzo e il loro padroncino. È abbastanza evidente che, a parte il clima di imbarbarimento culturale nel quale sono nate entrambe le “questioni”, già a partire dall’epilogo saltano subito all’occhio le differenze abissali.
    Purtroppo, mi ripeto, mi sembra che la cosiddetta sinistra, dando così tanta visibilità ad alcune scelte discutibili nella vita privata del premier, si siano un po’ scavati la fossa da soli.
    Purtroppo, come in tutta la storia avviene, queste lotto lasciano dietro di sé delle vittime, alle quali va ovviamente tutta la mia solidarietà umana: prima Boffo, ora Marrazzo. Mi sembra che il prezzo umano non sia giustificato da nulla.
    Che sconforto.

  25. normanno del sud

    am ende wollen wir doch alle das gleiche!!

    gerechtigkeit und ordnung!!

  26. ma cosa c’entrano ‘gerechtigkeit’ e ‘ordnung’?! mi sono limitato a constatare (CONSTATARE – è una constatazione, come si constata che l’acqua bolle a 100 gradi…) che la schiera forzaitaliota è fatta di gente brutta, viscida, incolta e insensibile. è una cosa chiara come il sole per chiunque abbia ancora un briciolo di sensibilità. punto.

  27. normanno del sud

    ok

    sono tutti brutti!!
    aber du hast BOSSI das schweinegesicht vergessen!!

  28. Io non capisco una cosa: perché uno che, visibilmente, conosce male il tedesco, deve voler scrivere in tedesco?
    Mi viene in mente Paolo Conte:

    Io non parlo il tedesco, scusa pardòn

    Io il tedesco un po’ lo parlo, e vederlo trattato così mi fa un po’ male.
    Boh, non capisco le motivazioni.

  29. gadilu

    Già. In uno degli interventi finiti nello spam del mio blog, questo strano tizio si scusa (in tedesco) di non sapere bene il tedesco. E allora io colgo qui l’occasione di chiedergli: ma perché cazzo scrivi in tedesco???

    Ad ogni modo, devo dire, finora ‘sto normanno non c’ha ancora dimostrato di saper scrivere correttamente e sensatamente in nessun’altra lingua. E allora la domanda diventa: ma perché cazzo scrivi???

    Ecco. Und jetzt lassen wir uns überraschen.

  30. arabo del nord

    condivido in toto l’analisi fisiognomica di marcolenzi, mettendo però l’accento sulla dimensione espressiva del volto, perchè anche un “brutto” può sorridere splendidamente o arrabbiarsi senza perder umanità.
    Gasparri quando sorride sembra una gallina scema, quando s’arrabbia un bue assetato, con costante bavetta colante.
    Cicchetto volpe viscida o faina arrogante, Bondi rinoceronte o ramarro (quelli che nel mostrar lingua palesano il lecchinaggio), Borghezio ippopotamo blasfemo, Quagliarello serpentello e si potrebbe continuare ma perchè insultare gli animali?
    Al normanno del sud; lo ringrazio del rogo, iniziano i freddi e
    io sono innamorato dell’araba fenice che mi ha insegnato il trucco, il fuoco non mi fa più paura!!

  31. Il lapsus tra Cicchetto e Cicchitto è semplicemente geniale! Grazie, Arabo del Nord.
    A sto punto, però, più che sulla fisiognomica, io punterei anche sulla nomenclatura: come minchia fai a fidarti di gente che si chiama Cicchitto, Quagliarello, Bocchino e via dicendo? Mi pare che ci sia anche tal Martuscello…
    Sembrano un po’ nomi da commedia dell’arte, no?

  32. marcolenzi

    @ arabo del nord
    sì, grazie per la condivisione, mi fa piacere. però vorrei ribadire che per me il termine ‘brutto’ non ha niente a che fare con quello che s’intende di solito (se non è abbastanza chiaro posso aggiungere qui che carlo delle piane è più bello di brad pitt) ma nemmeno con la cosiddetta ‘bruttezza interiore’. no: quella di cui parlo è una bruttezza di un tipo particolare, quella bruttezza assoluta che plasma e modella anima e corpo insieme.

    @ tutti glia altri
    normanno del sud è un fascista.

  33. normanno del sud

    @ marco

    sei un mago a capirlo!!

    @gadilu

    fresse halten du kommunisten sau!!

  34. Normanno, senti: non ti permetto di venire qui a insultare i miei “ospiti”.




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: