Violenza verbale, IV (gli umori della rete)

La rete è libera. E questo, oltre alla forza della libertà, porta anche, purtroppo, al residuo fecale: l’idiozia.

Non ho mai fatto un account in Facebook (con una vena di snobismo mi piace pensare di essere uno dei pochi), e penso che non lo farò mai.

Soprattutto leggendo sui giornali cosa sta succedendo su quel diffuso social network. Cito dal Corriere:

Si chiama «CHI HA AGGREDITO BERLUSCONI, SANTO SUBITO», scritto così, tutto in maiuscolo. E’ un gruppo aperto su Facebook subito dopo la diffusione della notizia dell’aggressione a Silvio Berlusconi e in pochi minuti ha raccolto una trentina di aderenti, che vanno aumentando a mano a mano (in un’ora hanno è stata superata quota cento). E non è il solo: nello stesso social network un’altro gruppo è stato intitolato «Hanno aggredito Berlusconi! Cosa possiamo dire???». Il titolo apparentemente più innocuo viene forse smentito dalla descrizione che lo stesso autore ha inserito nella finestra di presentazione: «Ti vogliamo bene PAPI! Hahahahaha!» (che in un secondo tempo è stato cambiato in: «Non è un gruppo PRO AGGRESSORE! Ma serve solo per discutere dell’accaduto!»). E ancora, in un’alternanza di pro e di contro: «Massimo Tartaglia personaggio dell’Anno»; «Massimo Tartaglia Vergogna!»; «Tartaglia, (ovvero colui che ha spaccato la faccia a Berlusca)»; «Vergogna a Massimo Tartaglia assalitore di Berlusconi…»; «Io sto dalla parte di Tartaglia»; «Aggredito Berlusconi… Condanniamo la violenza».

Ecco, se non vi basta, l’articolo riporta anche alcuni commenti:

Insomma, come spesso accade in occasione di fatti di grossa rilevanza, Facebook registra in tempo reale gli umori della Rete. E mette in evidenza un sentimento, da parte di molti, decisamente non ostile nei confronti dell’aggressione violenta subita dal presidente del Consiglio. Anzi. «Gli doveva rompere il cranio a quel testa d’asfalto» scrive ad esempio Pietro La Riccia nella bacheca del gruppo che vuole Tartaglia santo subito. « Che grande uomo! Che coraggio! Lui si che ha le palle! Degno di merito!» aggiunge Gianluca Masi nello stesso spazio. Alice Madau manda a dire a Tartaglia: «Amico che hai aggredito il duce sei nel cuore di ogni italiano!». E Daniele Stefani: «Aggressore di berlusconi for president!!!!». Mentre Manuel Usai sottolinea: «è anke poco quello ke gli hanno fatto…si meriterebbe molto ma molto peggio…». E Zia Stef si spinge ancora più avanti: «Sposami ti prego :)». E Giuliana Gallo: «E’ il giorno più bello della mia vita»)

Per fortuna l’articolo continua anche con “voci fuori dal coro”, qualcuno all’interno di Facebook che critica la violenza verbale.

[ leggi tutto l’articolo ]

Annunci




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: