Ma questi non c’hanno proprio niente di meglio da fare?

Io sono abbastanza divertito. Ma anche un po’ preoccupato per il livello che la nostra classe dirigente sta raggiungendo. E per il pericolo di deriva fascista che incombe su di noi. Comunque, contenti loro…

[Chi volesse capirci qualcosa di questo post, può leggere qui]

Annunci

  1. Mannaggia mannaggia, questa interrogazione parlamentare proprio non ci voleva: rischia di fare saltare il mio piano diabolico!
    https://gattomur.wordpress.com/2010/11/12/la-strategia-della-quaglia-una-modesta-proposta-per-superare-la-fase-di-crisi-politica-che-attanaglia-il-nostro-popolo-delle-liberta/
    Ma il Ministro è furbo, sa del mio doppiogioco: risponderà nicchiando, farà la gnorri, darà giusto un contentino all’interrogante (chessò, da scrivere 100 volte sul quaderno: “NON DEVO CRITICARE IL GOVERNO, NON DEVO CRITICARE IL GOVERNO…”). E potrò quindi indisturbato continuare il mio diabolico doppiogioco!

  2. Comunque, se dovessero arrestarmi, interverrà Lui in persona, con una bella telefonata a chi sa Lui. Ci conosciamo, e bene: ho pure festeggiato il mio compleanno nella villa di Arcore. Vedere per credere:
    https://gattomur.wordpress.com/2010/01/04/il-mio-piu-bel-compleanno-grazie-papi/

  3. E comunque le ragioni dell’interrogante mi sono chiare: trattasi di puro rancore, perché tempo fa avevo trovato da ridire sulla sua sintassi:
    https://gattomur.wordpress.com/2009/10/14/pdl-partito-dei-linguisti/
    Ecco, vedi a portare avanti la battaglia per la difesa della lingua italiana dove si arriva? A vedersi citato in una interrogazione parlamentare al ministro.

  4. Gianluca Trotta

    E uscendo dal personaggio, mi viene da riproporre le considerazioni che feci poco meno di un anno fa in un post che anticipava quello che è successo davvero:
    https://gattomur.wordpress.com/2010/08/10/e-ora-finalmente-un-post-locale/
    Ecco, spero che il ministro abbia ora materiale sufficiente per onorare il suo impegno di rispondere a una interrogazione tanto importante.
    Vado a letto, triste e anche un po’ incazzato per la situazione politica nella quale siamo calati.
    Un paio di ore fa ho scoperto casulamente (il mio blog registrava un inspiegabile aumento vertiginoso delle visite) di questa assurda interrogazione, che, a mio parere, dovrebbe causare un po’ di vergogna in chi l’ha firmata. In un primo momento ero molto divertito; ora sono solo molto triste per la situazione del nostro povero Paese. Io con questa classe dirigente ci ho passato “gli anni migliori della mia vita”, ora mi avvio all’età del declino (piano piano, eh! Ho ancora un po’ di tempo, dai!) e temo che morirò in un’Italia rovinata dal berlusconismo. Spero almeno che quando quella splendida creatura che è il mio bambino sarà nei suoi “anni migliori” potrà vivere in un Paese normale; in cui una classe dirigente così indegna sarà solamente un lontano e spiacevole ricordo.

  5. Gianluca Trotta

    Una storia davvero “ubuesca”, che dimostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, quanto Michel Foucault c’avesse visto bene:
    https://gattomur.wordpress.com/2010/04/30/ubu-roi-ovvero-il-grottesco-nella-meccanica-del-potere/

  6. enzopenzo

    Sei pericoloso Gatto! E’ l’ultima volta che ti visito, non vorrei che rintracciassero il mio IP.
    Certo che ha anche ragione: con tutta questa libertà di espressione chissà dove andremo a finire…

  7. gadilu

    Esprimo ovviamente la mia solidarietà a Gianluca. Aggiungo quindi due brevi considerazioni:

    1. Ci sono dei personaggi che si sentono toccati in modo particolare dalla critica (letteralmente: non la sopportano) e, non avendo la capacità di ribattere nel merito, tentano di danneggiare l’estensore della critica ricorrendo a mezzi intimidatori.

    2. Non è forse un caso che questi personaggi siano gli stessi che sono disposti a difendere ogni misfatto del loro “capo” (visto alla stregua di un martire della libertà…). C’è insomma chi può usare il turpiloquio e aggredire chiunque e chi, molto meno potente, deve aspettarsi azioni di questo tipo quando esprime opinioni non allineate.

    Penso che questi fatti debbano essere portati sempre all’attenzione dei cittadini. Non è morta la speranza che una censura di questi comportamenti abbia come unico e legittimo esito la condanna elettorale dei suddetti personaggi e la loro rimozione da qualsiasi incarico pubblico.

  8. Val.

    ‘Azz. Io sono stato oggetto solamente di un’interrogazione in Consiglio provinciale a Bolzano (una delle tante, tra le migliaia che confeziona ogni giorno) del Donatone Seppi (Unitalia/La Destra) all’assessore alla scuola Tommasini: chiedeva perché fossi decaduto dalla mia carica nelle rappresentanze studentesche – per ragioni personali che sono state puntualmente illustrate dall’assessorato. Quindi, fossi in te, mi sentirei un privilegiato 😉

    Tutta la mia solidarietà (con sincera invidia)
    Valentino.

  9. Gianluca Trotta

    Ma perché, perché Holzmann ce l’ha tanto con me? Boh!
    L’unico post a lui dedicato è questo:
    https://gattomur.wordpress.com/2010/01/11/ten-years-after-la-vittoria-della-moderazione/
    Tra l’altro, scrivevo:

    Ma se Bolzano deve avere un sindaco “di destra”, ben venga Holzmann piuttosto che i suoi avversari interni al partito.

    Ma guarda tu la riconoscenza!
    O sarà mica per l’innocente gioco del “televoto” per il candidato sindaco?
    https://gattomur.wordpress.com/2010/03/08/candidato-sindaco-di-bolzano-per-il-pdl-grande-finale-con-televoto/
    E anche qui, guarda un po’ cosa scrivevo dei suoi sostenitori?

    Nel confronto fra Tagnin e Holzmann (a qualcuno pare interessare, quindi facciamo sti confronti), si potrebbe pensare che Giorgio Holmann non abbia sostenitori e che Mario Tagnin sia molto amato e stimato.
    La mia ipotesi è questa: NESSUNO è venuto a dare un voto a Holzmann perché, evidentemente, i suoi sostenitori hanno altro da fare che leggere questo blog, o se lo leggono non sono così imbecillotti da abboccare e dare importanza a questa che è, con tutta evidenza, una sciocchezzuola

    Ts ts, “i suoi sostenitori hanno altro da fare che leggere questo blog”: altrocché, adesso vien fuori che se lo legge lui direttamente!
    E sempre nei commenti di quel post scrivevo:

    la statura politica di Holzmann è decisamente superiore a quella della sua rivale

    Vabbé, ingrato: m’ha spezzato il cuore!

  10. Mario Mollica

    La statura di Holzmann è stata sopravvalutata. Abbiamo invece sottovalutato la bassezza dei nani che hanno suggerito ad Holzmann di scrivere al ministro…

  11. gadilu

    Upss. Mario Mollica ero ovviamente io… 🙂

  12. La mia solidarietà, caro Gatto, è pari soltanto allo scoramento che mi dà il constatare a cosa sia ridotta l’attività del Parlamento. Accetta un mio piccolo contributo nel divulgare la cosa, che taciuta certo non va.

  13. jonny

    Quasi quasi non ci credo!
    Mama mia, se é proprio cosí che il governo si deve difendere da “attacchi pesanti” come descritto, fanno solo pena! Comunque non mollare, se mai ti andremo a trovare, ovunque ti manderanno, se a Lampedusa o ad Alcatraz, non sarai solo!
    Ma adesso sul serio, che conseguenze potrebbe avere questa richiesta?

    Jonny

  14. fabivS

    Minchia… siamo giunti all’ autoritarismo preilluministico. Ormai è prassi che, ancor più della puntualità nelle mansioni svolte, venga richiesta una sorta di autocensura nella vita privata e spesso anche nelle opinioni (ma ovviamente solo per chi lavora, la casta ne è esclusa).
    Vabbè, non ce la prendiamo sempre a male… la Controriforma avrà anche bruciato migliaia di persone in piazza, ma ci ha anche regalato personaggi come Bruno, Galilei, Keplero, Tasso ed una splendida guerra di religione: io fossi in te sottoscriverei una bella “professio fidei” come ai vecchi tempi in cui abiuri, rinneghi e detesti le perfide proposizioni ereticali di cui, non già per coscienza, ma per avventatezza hai posto fede; ribadisci invece la tua piena fedeltà alla Santa Madre Chiesa, alla Ministra ed al Governo tutto, che regna per Diritto Divino e ci protegge dalle perniciosissime idee atee della sinistra.

  15. Gianluca Trotta

    Ringrazio chi mi è stato vicino in questo momento, qui, via mail o al telefono: grazie, davvero.

  16. Hey, compatite anche un po’ me? Ho ritirato stamani una denuncia dai carabinieri. Qualcuno mi ha accusato di averle dato della “Vajassa”. Siccome sono andato dai carabinieri con mio figlio piccolo (era di strada) lui mi ha chiesto: “babbo cosa vuol dire che sei indagato?”. E io gli ho detto: “che adesso sono un po’ come Berlusconi”. E lui: “È una bella cosa?”. E io: “Non tanto, perché adesso molti mi invidieranno”.

  17. marcolenzi

    ciao gianluca,
    voglio esprimerti tutta la mia solidarietà. ignorali, sono personaggi meschini, le cui opinioni valgono meno di una scoreggia di tricheco. un caro saluto da livorno.

  18. marcolenzi

    PS sarebbe bellissimo se ora mi arrivasse una denuncia anche a me: “faccio presente all’onorevole pestamerde che il signor lenzi ha dichiarato le mie opinioni valer meno di una SCOREGGIA DI TRICHECO”. ah ah ah ah! un abbraccio

  19. Gianluca Trotta

    Così, di sfuggita, ricorderei che Giorgio Holzmann fa parte del gruppo del 314 deputati che il 5 aprile 2011 hanno fatto passare alla Camera il conflitto di attribuzione sul “caso Ruby”. Cioè è uno dei 314 deputati di una repubblica democratica “avanzata” che, implicitamente, hanno affermato che Berlusconi ha telefonato alla Questura perché davvero credeva che la ragazza fosse la nipote di Mubarak, e quindi voleva evitare una crisi diplomatica fra Italia ed Egitto (fonte: http://www.corriere.it/politica/11_aprile_05/ruby-voto-aula-proteste_67df5eba-5f86-11e0-a9b0-e35a83b9ad3b.shtml ).
    Ecco, ricordiamocelo.

  20. purtroppo questa è la deprimente (eufemismo) classe politica che “ci rappresenta” (così dicono).
    Non vedo vie d’uscita se non la ripresa di un impegno personale diretto, direi proprio fisico: perché incontrarsi in rete è sempre una piacevole sorpresa e un conforto, ma ho la sensazione che restiamo invisibili …

    Naturalmente sono solidale con te!

  21. Stefania

    Che dirle? Sono attonita.La mia solidarietà è purtroppo ben poca cosa, ma gliela attesto di cuore. Andrà sicuramente tutto bene. Non saranno cosi’ sciocchi da dar seguito ad un iniziativa cosi’ puerile. Un saluto.

  22. era da un po’ che Giorgione non faceva parlare di se’, qualcosa doveva pure inventarselo.

    Solidarietà anche da me, per quel che vale. ha da passa’ la nottata

  23. edz

    Un abbraccio al mio grande amico Giangi.

    (Stupisce che Giorgio Holzmann, anziché limitarsi a un’interrogazione parlamentare, non si sia rivolto direttamente a Obama).

  24. accipicchia

    dopo Bin Laden è stato individuato il pericolo n. 2 del mondo intero !!

  25. Cameljs

    Non ho seguito attentamente la vicenda, ma data la legge del bavaglio che domina tutto e tutti, dalla stampa ai media ed ora sta arrivando ad internet (vedi Wikipedia e Youtube già corrotti) da questa grande elite di potenti, le esprimo la massima solidarietà per il suo coraggio di remare contro. Contro un governo (che ahimè ho votato pure io ben 3 volte) ormai palesemente venduto che tutela appunto la famosa elite (o NWO che si dica) dai grandi potenti del mondo ai piccoli governanti amanti del bunga-bunga… a scendere! Tenga duro, dignità e libertà non hanno prezzo.

  26. …posto che gli studenti che certamente visioneranno il blog non avranno un’immagine positiva del Ministro, delle istituzioni, della politica, del linguaggio da tenere in un confronto d’idee

    Uha ah ah… Potrei perfino ridere se non fosse tragico!
    Cioè, questo è davvero convinto che per non avere un’immagine positiva del Ministro ci vuole un blog di un prof??
    E poi, non so: com’è ‘sta storia? Si continua a scambiare le cause con gli effetti? Il blog va chiuso perché non dà un’immagine positiva del Ministro?
    Veramente è l’immagine negativissima del Ministro che ha spinto ad aprire i blog!

  27. Gianluca Trotta

    Nel suo terzo post dedicato alla questione, Luca Marcon avanza un’interpretazione interessante dell’azione di Holzmann. Condivido solo in parte l’assunto generale, ma il post è molto interessante, soprattutto perché permette di leggere alcuni estratti da proposte di legge sulla scuola piuttosto inquietanti:
    http://lucamarcon.wordpress.com/2011/05/09/il-deputato-del-pdl-giorgio-holzmann-e-il-mondo-della-scuola-dal-professore-blogger-allimparzialita-dei-libri-di-testo-scolastici-passando-per-la-difesa-dellidentita-culturale-cristiana-nella-scu/

  28. Itsas

    quel parlamentare ha proprio un cervello da “parlamentare”!
    T’assicuro che la mmagior parte sono così.
    un abbraccio di solidarietà!

    Ciao

  29. francesca maccani

    Gianluca,
    ho saputo solo oggi quanto successo tramite Max, io vivo a Palermo ormai e sono un pò fuori dal mondo..

    sappi che ti stimo e ti ho sempre stimato molto, sei una persona eccezionale!
    Nonostante siano passati diversi anni conservo dei bellissimi ricordi della SSIS, delle belle persone che ho conosciuto grazie a quel corso di sopravvivenza.

    Combatti questa battaglia a testa alta!!!
    Ti penso e ti sono vicina…
    da oggi seguirò il blog e la vicenda con assiduità!

  30. Gianluca Trotta

    Ciao, Francesca. Vivi in una bellissima città. Sei stata molto gentile a scrivermi.
    Ciao.

  31. Gianluca Trotta

    Ora ho capito tutto: Holzmann voleva semplicemente “portarsi avanti”. Da abile politico qual è, aveva intuito che qualcosa si muoveva nell’aria, che erano pronte nuove proposte di legge, che a breve si sarebbe parlato della cosa: e ha dunque voluto “giocare d’anticipo”.
    http://www.repubblica.it/scuola/2011/05/11/news/professori_politicizzati_sospensione_per_3_mesi-16101869/?ref=HREC1-2
    Peccato che aveva capito male: il suo collega Garagnani pensa “che il docente dovrà astenersi in ogni caso da qualunque atto di propaganda politica o ideologica nell’esercizio delle attività di insegnamento anche di carattere integrativo, facoltativo od opzionale” (cosa su cui sono anche d’accordo; a patto di stabilire quali siano gli “atti di propoganda politica e ideologica”, se all’interno di essi ricadono anche gli atti filogovernativi o di proselitismo tipico di alcuni insegnanti che si ispirano a movimenti che si dicono cattolici, o se non siano invece limitati solamente alla cosiddetta “sinistra”). Holzmann è andato oltre: lui pensa, stando alla sua interrogazione, che un insegnante non debba esprimere idee politiche neppure FUORI dall’esercizio delle attività d’insegnamento.
    Se non è essere all’avanguardia questo…

  32. Un ottimo Serra sulla proposta Garagnani. Peccato non abbia scritto nulla sull’interrogazione di Holzmann.

    Solo chi non è mai andato a scuola può concepire l’idea, veramente mostruosa, di un insegnamento “oggettivo” e asettico come garanzia di quella finta “neutralità” alla quale sempre si appellano i faziosi veri, cioè quelli che non reggendo l’urto delle idee altrui sperano di poterle zittire, e avendo idee piccole sentono come una minaccia ogni idea più grande di loro. Ogni liceale sa che è nel conflitto delle idee che si cresce, e ha in mente almeno un paio di professori appassionati che proprio lasciando trapelare un deciso orientamento culturale diventavano punti di riferimento. Ebbi una professoressa di filosofia tenacemente atea e un professore di latino e greco validamente antimodernista e reazionario, ma se qualche malsano censore, scolastico o politico, si fosse sognato di biasimarlo o addirittura di impedirgli di entrare in classe, non c’è alunno del mio liceo che non sarebbe insorto.
    Distinguere tra la volgarità della propaganda e il fascino della cultura e delle idee è facoltà in possesso anche di un quattordicenne. La disastrosa proposta di Garagnani riesce, in uno colpo solo, a offendere, oltre che i professori, anche gli studenti, trattati da branco imbelle che si lascia sobillare dal primo agit-prof in transito: come rivela quell’orrendo verbo “inculcare” usato dal premier, forse applicabile al suo mondo di persuasione occulta, di ruffianeria commerciale, di pubblicità martellante, come illustra magnificamente la sua celebre e famigerata frase “ricordatevi che il pubblico è un bambino di otto anni”. Ma non applicabile, no davvero, al mondo della scuola, che con tutti i suoi difetti, e nonostante le privazioni imposte dall’austerità a senso unico di un potere che punisce “la scuola di sinistra” (?!) e premia le scuole devote, e private, è ancora un luogo vivo, conflittuale, libero, aperto a tutti (chissà se la parola “tutti” fa parte del bagaglio culturale dell’onorevole Garagnani).

  1. 1 Primo firmatario: Holzmann Giorgio - Il Gambero Rotto

    […] insegnante di Trento, il combattivo Gianluca Trotta, reo di aver espresso sul suo blog personale (qui un resoconto) opinioni fortemente negative sull'operato del ministro Mariastella Gelmini, dell'attuale compagine […]

  2. 2 Primo firmatario: Holzmann Giorgio - Il Gambero Rotto

    […] insegnante di Trento, il combattivo Gianluca Trotta, reo di aver espresso sul suo blog personale (qui un resoconto) opinioni fortemente negative sull’operato del ministro Mariastella Gelmini, […]

  3. 3 Toniatti: «Holzmann arrogante» Il costituzionalista: difendo il blog. L’onorevole insiste: offensivo « Indagine, informazione e denuncia

    […] confronti dell’insegnante di Trento Gianluca Trotta “gattomur” e del suo blog (leggi qui), sta avendo un seguito pubblico. Di questo devo, anzi, dobbiamo ringraziare il Corriere […]

  4. 4 Brennerbasisdemokratie. » Blog Archiv » Gleichschaltungsversuch.

    […] GattoMur spreche ich hiermit meine uneingeschränkte Solidarität gegen diese widerlichen Einschüchterung aus. window.fbAsyncInit = function() { FB.init({appId: "135405649819947", status: true, cookie: true, xfbml: true}); }; (function() { var e = document.createElement("script"); e.async = true; e.src = document.location.protocol + "//connect.facebook.net/de_DE/all.js"; document.getElementById("fb-root").appendChild(e); }()); […]

  5. 5 È arrivata la risposta! Qualcuno me la spiega? « GattoMur's Weblog

    […] è conclusa la vicenda iniziata qualche mese fa (qui): il ministro Gelmini ha dato risposta all’interrogazione parlamentare inviatale da Giorgio […]

  6. 6 Catone il censore « GattoMur's Weblog

    […] torna alla carica: a quasi un anno dalla interrogazione parlamentare riguardante il mio blog (qui), ora se la prende con una vignetta satirica del quotidiano locale […]




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: