Educare la gioventù, I (il parlamento italiano)

Annunci

  1. gadilu

    Indegni, vergognosi, squallidi, miserabili rubastipendi.

  2. Ah, il Menia. Calza a pennello. Non importa che sia di FLI piuttosto che del Pdl (certe cose, si sa, son destinate a non durare), quel che conta son le radici comuni, lo stesso metodo.

    Matteo Moder – dal Manifesto del 24 febbraio 2005

    Il fascista Menia contro Giacomo Scotti
    Ha raccontato la vera storia delle foibe. An chiede al governo di togliergli la pensione

    TRIESTE«Sono i soliti fascisti». E’ afflitto e preoccupato Giacomo Scotti, collaboratore del Manifesto dalla Croazia, scrittore, storico, esponente di spicco dell’Unione italiana, fatto oggetto da quello che lui definisce un atto «intimidatorio e persecutorio» da parte del deputato triestino di An, Roberto Menia, che ha presentato un’interrogazione a 5 ministri sul fatto che Scotti, con altri cittadini sloveni e croati, di nazionalità italiana, percepisce la pensione sociale dall’Italia.

    «Ci sono cittadini sloveni e croati che hanno una falsa residenza a Trieste per godere dei servizi pensionistici e sanitari italiani» scrive Menia, prendendo Scotti come capro espiatorio e riproponendo a distanza di qualche anno la polemica innescata dai fascisti sugli «infoibatori slavocomunisti» che prendevano la pensione dall’Inps per aver servito sotto l’Italia. Il deputato di An chiede ai ministri un’indagine sulle doppie residenze e di verificare eventuali abusi «di tipo previdenziale e elettorale», magari con l’apertura di un’indagine della magistratura.

    «Non è la prima volta che Menia sfoga il suo livore contro di me – spiega Scotti – anche il 9 febbraio a Trieste ha ripetuto che Giacomo Scotti, “che lasciò l’Italia per rifugiarsi nel paradiso comunista jugoslavo, risulta residente a Trieste e perciò ho interrogato il Governo per sapere se magari questo signore prende la pensione dall’Italia per fare un lavoro sporco, così come c’è qualcuno che infoibava eppure prende la pensione dell’Inps”…». «Menia non lo dice – afferma lo storico – ma gli dà fastidio la mia attività nell’Unione italiana di cui sono vicepresidente e contro la quale ha presentato un’altra interrogazione contro il presidente Maurizio Tremul: un’offensiva pianificata e mirata – continua – che coinvolge anche altri connazionali con doppia residenza e doppia cittadinanza, come lo consente agli esponenti della minoranza italiana una legge italiana del 1991».

    «Sono decenni che faccio la spola tra le due sponde dell’Adriatico a “intessere ponti”- continua Scotti – e Menia finge di ignorare che io nel cosiddetto paradiso comunista ho sofferto l’inferno. Solo che non speculo su questo. Come scrittore, storico, pubblicista – precisa – penso di aver contribuito al risveglio culturale della minoranza italiana in Istria e nel Quarnero pubblicando 120 volumi, centinaia e centinaia di articoli e saggi, in cui ho difeso e difendo la lingua e la cultura italiana in Istria, Fiume e Dalmazia. Ho denunciato i crimini del regime jugoslavo nel mio citatissimo Goli Otok. Il Gulag di Tito. Dire che l’autore di queste opere prende la pensione italiana per fare “un lavoro sporco” è terribile. Si sputa – spiega – addosso a un italiano solo perché è un uomo di sinistra, lo si tratta da nemico da distruggere e privarlo anche del pane se possibile».

    Scotti percepisce in Italia la pensione, ma quella di povertà o assegno sociale di 500 euro al mese. A Fiume ha un domicilio, la residenza a Trieste, da circa 7 anni. «Ho la pensione sociale italiana da quando raggiunsi i 65 anni di età – oggi ne ho 76 – perché essendo spessissimo disoccupato per motivi politici e avendo conosciuto due volte la galera in quel regime, ho fatto lavori precari, traduzioni dall’italiano e dallo jugoslavo, ma anche il facchino. Dopo l’ultimo definitivo licenziamento che mi colpì nel 1981 (una recensione non gradita al regime), in Jugoslavia avevo accumulato troppi pochi anni di lavoro per poter usufruire di una pensione minima. Con la vecchiaia e avendo la residenza in Italia ho chiesto e ottenuto la pensione sociale quella che ora Menia vorrebbe portarmi via assieme alla carta sanitaria. Ho due cittadinanze, e amo due terre, può l’onorevole Menia proibirmi di essere quello che sono?».

    All’interrogazione-provocazione di Menia avranno certo contribuito i rigorosi servizi di Scotti sulle foibe istriane pubblicati dal Manifesto e anche che Claudio Magris nel suo importante editoriale sulle foibe sul Corriere della Sera si sia direttamente rifatto a lui.

    «Per motivi elettorali – prosegue – a ondate, Menia e i suoi parlano sempre con lo stesso linguaggio dei giornali fascisti del 1943: slavo-comunisti, infoibatori, nemici della patria – rileva – loro che la patria l’han tradita in mille modi. Dicono che hanno combattuto per conservare l’Istria. Ma la Decima Mas, i repubblichini, erano al servizio della Gestapo e delle SS e hanno bruciato 500 villaggi in Istria, vendicandosi così dei cosiddetti infoibatori. Per 230 infoibati in Istria nell’insurrezione del settembre `43 , e io rispetto davvero queste vittime, ne hanno ammazzati oltre 5.000 dal 4 ottobre fino a dicembre 1943, deportandone 17mila nei lager nazisti. Hanno una memoria parziale – sottolinea – ricordano solo quello che fa comodo a loro. Non si parla del genocidio fascista, né di collaborazionismo, né delle decine e decine di lager fatti durante l’occupazione italiana di Slovenia, Dalmazia e Montenegro».

    «Perché questo accanimento? Perché sono i soliti fascisti…».

  3. Ed ecco un’ottima lezione di educazione e di argomentazione da un alleato di Holzmann, che è pure ministro:




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: