Posts Tagged ‘fascismo’

partigiani

[Testo e immagine tratti dal sito trentinoalternativo.it, qui]

Si è insediata anche a Trento l’organizzazione neofascista denominata Casa Pound. Il 9 Novembre inaugurerà nella nostra città la sua nuova sede.
I componenti di Casa Pound si sono tristemente distinti per numerose aggressioni a sfondo ideologico e xenofobo. Basti ricordare l’assassino Gianluca Casseri che il 14 Novembre 2011 sparò uccidendo due ragazzi senegalesi a Firenze; e non dimentichiamoci il pestaggio avvenuto qui nel 2012, in centro città, ai danni di alcuni studenti di sociologia.
Casa Pound nasce negli anni novanta riproponendo politiche del ventennio fascista e iniziando il suo intervento di mala-politica nelle città. Questi nostalgici cercano notorietà non solo provocando e picchiando il “diverso”, la gente, ma anche candidandosi sfacciatamente a ricoprire cariche istituzionali, come alle elezioni universitarie, oppure sostenendo la corsa parlamentare di personaggi politicamente pericolosi, che dietro la parvenza democratica, portano le loro stesse idee e i loro stessi principi. La lista è lunga: si va dal consigliere trentino de Eccher dei Fratelli d’Italia, al padre parlamentare che voleva abolire la XII norma della Costituzione italiana, la quale vieta “la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”; dall’associazione Asso di Cuori di Riva del Garda a quella denominata “Uomo Libero”. Queste organizzazioni percepiscono finanziamenti pubblici dalla Provincia. Gli è concesso di utilizzare sale pubbliche. Ricevono i patrocini dai comuni di Riva e Arco per finte iniziative di solidarietà, pretesti per propagandare il loro credo.
Per noi l’antifascismo è una pratica quotidiana, controculturale, di resistenza a razzismo, squadrismo, omofobia e machismo. Ogni volta che andiamo a scuola, all’università, o al lavoro; quando decidiamo di occupare spazi per praticare e per condividere una cultura diversa, che contrasti le logiche dell’autoritarismo; quando ci sediamo in cerchio e discutiamo nelle assemblee, quando difendiamo le nostre terre dalle devastazioni ambientali; noi pratichiamo l’antifascismo.
Le istituzioni della nostra città ancora oggi rimangono silenti quando provano a prendere piede gruppi neo-fascisti come Blocco Studentesco e Casapound
Questo per noi è inaccettabile! Facciamo appello a tutte le cittadine e a tutti i cittadini per costruire insime un percorso di resistenza al neofascimo nella nostra città e per contrastare attivamente e su un piano pubblico l’apertura di una sede di Casa Pound a Trento.
Invitiamo tutte e tutti ad una assemblea pubblica che si terrà lunedì 4 novembre alle ore 20,00 presso la sala Circoscrizione di Piedicastello – Via Verruca 1

Per info e adesioni: csabruno@gmail.com

#nonazyinmytown

[Altro post su CasaPound su questo blog qui]

bandiera_italia_lutto

Questo blog è a lutto: la democrazia è morta, sotto l’ennesimo colpo di un presidente che, purtroppo, riesce a dare un mefitico colpo di coda al suo settennato.

Schifo. E tristezza.

Members of Parliament of Pdl protest under the Palace of Justice in Milan

Grave episodio. Inquietante (qui).

fratelli_b1

Ne sono sempre più convinto: se uno è stato fascista una volta, rimane fascista per sempre. Continua a leggere »

mussolinicesso

BOLZANO – Intervista shock a Michaela Biancofiore: “Mussolini è stato un grande uomo. Ha portato i cessi in tutti i masi”. E conclude: “I Sudtirolesi dovrebbero ringraziarlo: dopo avere ingurgitato olio di ricino, non si ghiacciavano più le chiappe dovendo andare fuori”.

Continua a leggere »

BERLUSCONI_LA_RUSSA_DUCETTI

[immagine presa qui]

 

Ancora una volta è evidente: le proteste di piazza, quelle in cui una generazione a cui sono stati scippati il presente e il futuro; quelle di chi fa sentire le proprie ragioni a una classe dirigente di incapaci, imbecilli, malviventi; di chi non accetta di continuare a faresi prendere in giro; vengono represse, letteralmente, nel sangue da chi dovrebbe essere al servizio della collettività, dei cittadini, e invece si conferma ancora una volta come strumento duttile nelle mani del potere. Continua a leggere »

[fonte: intervista di Mauro Fattor a Gerald Steinacher, pubblicata sul quotidiano Alto Adige del 20.12.2005; si può leggere tutta (vale la pena) qui]

Renata Renata Renata
ti voglio bene col tuo Fiorito
Renata Renata Renata
se ti dimetti non vivo più.
Renata Renata Renata
al party in toga tu mi hai invitato
Renata Renata Renata
con false ancelle e i maialòn.
Scommetto che nessuno minaccia come te
le dimissioni ogni tre per tre
se tu ti decidessi a dirmi almeno un sì
io non sarei ridotto così.
Renata Renata Renata
poco carina poco educata
Renata Renata Renata
sembra di stare in un brutto film.
Scommetto che nessuno minaccia come te
le dimissioni ogni tre per tre
se tu ti decidessi a dirmi almeno un sì
io non sarei ridotto così.
Renata Renata Renata
come vorrei non t’avesser votata
Renata Renata Renata
ti fingi un mostro di ingenuità.
Renata Renata Renata
le toghe rosse t’hanno incastrato
Renata Renata Renata
vuol dire che rivoterò per te.
Renata Renata Renata
le toghe rosse t’hanno incastrato
Renata Renata Renata
vuol dire che rivoterò per te.
Renata Renata Renata
le toghe rosse t’hanno incastrato
Renata Renata Renata
vuol dire che rivoterò per te.