Posts Tagged ‘società’

LAPR0401-kCCB-U43170400842017AkF-512x350@Corriere-Web-Nazionale

Annunci

partigiani

[Testo e immagine tratti dal sito trentinoalternativo.it, qui]

Si è insediata anche a Trento l’organizzazione neofascista denominata Casa Pound. Il 9 Novembre inaugurerà nella nostra città la sua nuova sede.
I componenti di Casa Pound si sono tristemente distinti per numerose aggressioni a sfondo ideologico e xenofobo. Basti ricordare l’assassino Gianluca Casseri che il 14 Novembre 2011 sparò uccidendo due ragazzi senegalesi a Firenze; e non dimentichiamoci il pestaggio avvenuto qui nel 2012, in centro città, ai danni di alcuni studenti di sociologia.
Casa Pound nasce negli anni novanta riproponendo politiche del ventennio fascista e iniziando il suo intervento di mala-politica nelle città. Questi nostalgici cercano notorietà non solo provocando e picchiando il “diverso”, la gente, ma anche candidandosi sfacciatamente a ricoprire cariche istituzionali, come alle elezioni universitarie, oppure sostenendo la corsa parlamentare di personaggi politicamente pericolosi, che dietro la parvenza democratica, portano le loro stesse idee e i loro stessi principi. La lista è lunga: si va dal consigliere trentino de Eccher dei Fratelli d’Italia, al padre parlamentare che voleva abolire la XII norma della Costituzione italiana, la quale vieta “la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”; dall’associazione Asso di Cuori di Riva del Garda a quella denominata “Uomo Libero”. Queste organizzazioni percepiscono finanziamenti pubblici dalla Provincia. Gli è concesso di utilizzare sale pubbliche. Ricevono i patrocini dai comuni di Riva e Arco per finte iniziative di solidarietà, pretesti per propagandare il loro credo.
Per noi l’antifascismo è una pratica quotidiana, controculturale, di resistenza a razzismo, squadrismo, omofobia e machismo. Ogni volta che andiamo a scuola, all’università, o al lavoro; quando decidiamo di occupare spazi per praticare e per condividere una cultura diversa, che contrasti le logiche dell’autoritarismo; quando ci sediamo in cerchio e discutiamo nelle assemblee, quando difendiamo le nostre terre dalle devastazioni ambientali; noi pratichiamo l’antifascismo.
Le istituzioni della nostra città ancora oggi rimangono silenti quando provano a prendere piede gruppi neo-fascisti come Blocco Studentesco e Casapound
Questo per noi è inaccettabile! Facciamo appello a tutte le cittadine e a tutti i cittadini per costruire insime un percorso di resistenza al neofascimo nella nostra città e per contrastare attivamente e su un piano pubblico l’apertura di una sede di Casa Pound a Trento.
Invitiamo tutte e tutti ad una assemblea pubblica che si terrà lunedì 4 novembre alle ore 20,00 presso la sala Circoscrizione di Piedicastello – Via Verruca 1

Per info e adesioni: csabruno@gmail.com

#nonazyinmytown

[Altro post su CasaPound su questo blog qui]

Leggo un articolo (qui) sulla ragazza sedicenne che, a Torino, ha dichiarato, per coprire il suo primo rapporto sessuale, di essere stata violentata da due zingari,  scatenando così un vero e proprio pogrom. Continua a leggere »

La storia è di quelle bruttissime, come lo sono tutte quelle dove c’è di mezzo la violenza, e soprattutto quella contro le donne: una ragazza di 16 viene stuprata a Torino, quartiere Le Vallette. La visitano all’ospedale, certificano la violenza. Lei dice che sono stati due nomadi rom. La notizia campeggia su tutte le testate online nel pomeriggio. Poi, poco fa, la smentita dell’interessata: non era vero, ha avuto un rapporto con un ragazzo e si è inventata tutto. Continua a leggere »

Nello stesso momento in cui la DIA lancia l’allarme sull’influenza della ‘Ndrangheta sulla vita politica, sociale ed economica in Lombardia e in tutto in Nord produttivo (qui), un dato non certo nuovo e che comunicato in una trasmissione televisiva molto popolare ha fatto tanto infuriare il ministro degli Interni, lo stesso ministro e i più sfegatati sostenitori di questo Governo del non fare si attribuiscono il merito di questa cattura (lo stesso ministro di un governo che taglia i fondi ai commissariati, che non hanno più nemmeno la benzina per le volanti, e cerca di restringere la possibilità di usare le intercettazioni come strumento di lotta alla criminalità). Continua a leggere »

La fotografia tratta dalle immagini di Google Street View dimostra che il ministro Bondi, oltre a essere un incompetente, è pure un bugiardo. O, ancora peggio, non sa le cose (qui un articolo che spiega). Ma lui no, lui non si dimette. Continua a leggere »

Lorella Zanardo ha fatto un’opera meritoria di essere conosciuta e diffusa: il suo documentario, liberamente scaricabile dalla Rete, e il blog, che ruota attorno alla tematica dell’umiliazione delle donne che quotidianamente avviene nella cultura diffusa (soprattutto quella televisiva), sono tra le poco denunce di una situazione sempre più intollerabile. Continua a leggere »

[ (C) photo by Maurizio Maule ]

Bene. Che vivessimo in uno Stato che definire “messo male” è, purtroppo, un eufemismo, era abbastanza chiaro, fin qui. Che il Governo in carica fosse una banda di briganti, incapaci e fedifraghi, era piuttosto evidente. Che poi, nella cultura diffusa, si tendesse al razzismo e alla nostalgia per periodi recenti della nostra storia nazionale, anche questo non era poi tanto nascosto. Continua a leggere »

Citate a processo dalla Lega Nord Trentino per diffamazione e danneggiamento cinque persone che nel gennaio 2009 hanno coperto i manifesti leghisti che inneggiavano a una “Trento cristiana, mai musulmana”. Questo video è stato prodotto in aula dalla difesa per spiegare come sia indubbio il contenuto razzista e xenofobo della politica del partito. Continua a leggere »